Chi arriva a Formentera non lo fa per fare festa fino a tarda notte o per “vivir la vida loca” come pensa chi atterra nella bella Ibiza. Chi arriva qui sa che la cosa migliore da fare è innamorarsene. A Formentera si va per godere di tutte le sfumature del tramonto, per vedere tutte le gradazioni di turchese delle acque cristalline di Ses Illetes, per bere un cocktail al tramonto con un sottofondo di musica perfetta e per creare una nuova connessione con se stessi.


San Francesc Xavier è il più grande centro abitato dell’isola ed inoltre è anche molto carino. Fate base qui se volete stare in relax anche di sera e se volete avere tutto a portata di mano: ci sono negozietti, ristorantini, supermercati.
Non siete sul mare ma vi assicuro che è veramente carino e molto tranquillo. E poi con lo scooter arrivate ovunque.

Se volete fare festa allora Es Pujols é la destinazione giusta per voi.
Diciamo che sembra di essere in una qualsiasi località italiana in quanto – come in tutta l’isola, ammettiamolo! – qui l’unica lingua che si sente parlare è l’italiano.

E’ famosa per la spiaggia, considerata la spiaggia dei VIP, ma sinceramente non posso dirvi come sia in quanto l’abbiamo evitata. E’ però il posto giusto se la sera volete divertirvi e se cercate un po’ di movimento.

Finita più e più volte nella top 10 delle spiagge migliori del Mondo, questa lunga lingua di sabbia bianca e fine si tuffa in un mare turchese dalle mille sfumature.
Si trova nella penisola di Es Trucadors – a meno di 4 km dal porto – ed all’interno del Parco Naturale di Ses Salines di Ibiza e Formentera. Grazie alla Prateria di Posidonia Oceania – una pianta fondamentale per l’ecosistema marino e che rende l’acqua di Formentera così meravigliosa,è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Unesco.
Questo il motivo per cui è l’unica spiaggia per cui bisogna pagare una quota di ingresso se si accedere con i veicoli a motore (€ 3 per i motorini ed € 5 per le auto).
Io ho adorato l’ultimo tratto, dove una lingua di sabbia congiunge la spiaggia di Llevant a quella di Ses Illetes.

Dopo una giornata in spiaggia cosa c’è di meglio che bere qualcosa di rinfrescante in un completo mood relax, magari anche con la musica perfetta?
questa devo dire che forse è una delle migliori cose da fare a Formentera. I posti più famosi? Sicuramente il Piratabus o il Kiosko Tiburon.

Si trova a sud, sulla spiaggia di Mitjorn, e la sua atmosfera mi ha rubato il cuore. Qui capirete che state terminando nel modo giusto la vostra giornata. Prendete il loro cocktail tipico – la Pomada – e non ne rimarrete delusi.


Dove mangiare a Formentera: Se avete un appartamento e siete al risparmio vi consiglio di fare la spesa e cucinare a casa per tagliare le spese.Se volete comunque concedervi qualche cenetta fuori posso consigliarvi il ristorante Fonda Pepe, a Sant Ferran de Ses Roques, che pur essendo prettamente turistico e alla mano ha del buon pesce fresco – il pulpo a la gallega è ottimo! – ed una buona paella (non la migliore che io abbia mangiato, però buona). Mettete in conto almeno circa 40€ a testa con antipasto/paella/vino.
Il Sa Panxa, sempre a Sant Ferran de Ses Roques, con un bel giardino interno.

Per qualcosa di low cost (sempre in base ai prezzi di Formentera) è imperdibile una sosta al Gran Iberico di Es Pujols: il panino con il pata negra sarà il vostro nuovo miglior amico. E poi il personale è giovane e simpatico, e non guasta mai.


Se ti è piaciuto l’articolo condividilo attraverso i pulsanti qui sotto e lasciaci un commento.

Credit: Fonte Esterna